Toyota presenta la nuova Mirai

Nell’ottica di una futura società sostenibile, Toyota considera l’idrogeno un elemento fondamentale per l’uso e l’immagazzinamento di energia. L’idrogeno possiede il potenziale per realizzare una mobilità priva di emissioni di CO2 non solo sulla strada, ma anche su rotaia, per la navigazione e l’aviazione – nonché come fonte energetica per l’industria, il commercio e residenziale.

  • Seconda generazione del rivoluzionario veicolo elettrico privo di emissioni con propulsione a celle a combustibile e idrogeno.
  • Costruita sulla nuova piattaforma modulare GA-L che consente la realizzazione di un abitacolo spazioso a 5 posti grazie a una nuova configurazione 
  • Integrazione di un terzo serbatoio di idrogeno e quindi un’autonomia accresciuta del 30%, ora di ca. 650 km, grazie alla nuova piattaforma
  • Oltre alle qualità ecologiche, la progettazione si è focalizzata sul fascino più emotivo del design e delle caratteristiche di guida
  • Sistema a celle a combustibile di nuova concezione con componenti più piccoli e leggeri
  • Perfetta ripartizione del peso di 50:50 con il nuovo motore elettrico a celle a combustibile sulla piattaforma GA-L 
  • A livello mondiale, Toyota prevede di aumentare di 10 volte le vendite della Mirai

Nel 1992 Toyota ha iniziato lo sviluppo di un veicolo elettrico a idrogeno/celle a combustibile e nel 2014 ha presentato la Mirai per il mercato globale. Questa realizzazione pionieristica si basava sull’esperienza leader a livello mondiale acquisita con la tecnologia ibrida, tecnologia rivelatasi fondamentale per una serie di propulsioni elettrificate di vario genere.
 
Il concetto alla base della prestazione ibrida è stato adattato con successo per veicoli ibridi elettrici (HEV), ibridi elettrici plug-in (PHEV), elettrici a batteria (BEV) ed elettrici a celle a combustibile (FCEV). Ognuno di questi tipi di veicoli risponde a varie esigenze di trasporto: BEV per tragitti brevi e il traffico urbano, HEV e PHEV per distanze più lunghe nel normale trasporto di persone e FCEV per veicoli più grandi come pure per il traffico pesante e i mezzi di trasporto pubblici.
 
Ora Toyota presenta la nuova generazione Mirai – un’automobile che eleva la tecnologia FCEV a un livello superiore, che sfoggia fascino e suscita emozioni con un design e caratteristiche di guida dinamiche. Il sistema a celle a combustibile completamente rinnovato, la configurazione intelligente e l’efficienza aerodinamica permettono un’autonomia aumentata a ca. 650 km; con l’acqua come unica emissione.

Prestazioni e design migliorati

In fase di sviluppo della nuova Mirai, Toyota ha prestato particolare attenzione al fascino generale dell’auto, sia dal profilo delle prestazioni sia dell’aspetto esteriore, come pure alle sensazioni e alle caratteristiche di guida.
 
Una delle priorità riguardava una maggiore autonomia rispetto all’attuale modello e agli attuali veicoli elettrici a batteria. La capacità aumentata del serbatoio di idrogeno, maggiore efficienza e aerodinamica affinata hanno permesso di aumentare del 30% l’autonomia, ora a ca. 650 km. La Mirai è pertanto a pieno titolo un’automobile per lunghi tragitti.
 
La configurazione della nuova Mirai, con la disposizione compatta dei componenti del veicolo, è nettamente migliorata mediante l’uso della piattaforma modulare GA-L. La nuova configurazione del sistema propulsivo FCEV – in particolare il posizionamento della pila a combustibile nella parte anteriore anziché sotto il pianale – crea uno spazioso abitacolo a cinque posti con più spazio per le gambe per i passeggeri dietro.
 
La nuova Mirai sfoggia anche proporzioni attraenti: l’altezza è stata ridotta di 65 mm a 1470 mm, mentre il passo è aumentato di 140 mm a 2920 mm. La lunghezza totale è ora di 4975 mm con un aumento di 85 mm dello sbalzo posteriore. La carreggiata più larga di 75 mm e i cerchi da 19 o 20 pollici creano un’immagine più dinamica e lasciano intuire il baricentro basso.

Più fascino emotivo

Un obiettivo essenziale nello sviluppo della nuova Mirai era conferire all’auto un fascino maggiormente emotivo per renderla un veicolo che i clienti scelgono non solo per le sue qualità ecologiche, ma anche per il suo aspetto e le sensazioni che regala al volante. La nuova piattaforma GA-L e i progressi nella tecnologia FCEV hanno spianato la strada a nuove possibilità.

Piattaforma GA-L

L’uso della piattaforma GA-L rende possibile una configurazione compatta della pila a celle a combustibile e dei componenti propulsivi. Il risultato è una spaziosa cabina a cinque posti e una ripartizione del peso ottimizzata. In particolare la nuova configurazione permette l’integrazione di tre serbatoi di idrogeno, per cui la maggiore capacità di carburante aumenta l’autonomia del 30%.
 
I serbatoi sono posizionati in configurazione a T. Il più grande si trova in posizione longitudinale al centro dell’auto, mentre i due più piccoli sono installati lateralmente sotto i sedili posteriori e il bagagliaio. La capacità complessiva è di 5,6 kg di idrogeno rispetto ai 4,6 kg dei due serbatoi del modello precedente. La disposizione dei serbatoi contribuisce a ottenere un baricentro basso e non riduce lo spazio utile.
 
La nuova architettura permette inoltre di installare nella parte anteriore, anziché sotto il pianale dell’auto, la pila a celle a combustibile completamente rinnovata (analogamente al vano motore), mentre la batteria ad alta tensione più compatta e il motore elettrico sono posizionati sopra l’asse posteriore. Come spiegato in seguito, la configurazione ottimizzata del sistema propulsivo crea una ripartizione del peso di 50:50 tra anteriore e posteriore.
 
I serbatoi sono stati progettati con una costruzione più solida, multistrato e leggera – la percentuale di peso dell’idrogeno è pari al 6% dei serbatoi pieni.

Nuova pila a celle a combustibile

La nuova pila a celle a combustibile e il nuovo convertitore di potenza a celle a combustibile (FCPC) sono stati appositamente concepiti per l’utilizzo con la piattaforma GA-L. I progettisti sono riusciti a riunire tutti gli elementi nell’involucro della pila: pompe dell’acqua, intercooler, aria condizionata con compressori e la pompa di ricircolo dell’idrogeno. Tutti i componenti sono più piccoli e più leggeri e al tempo stesso più performanti. L’involucro della pila stessa è stato reso più piccolo utilizzando la saldatura per attrito allo stato solido e riducendo la distanza tra le celle a combustibile e la parete dell’involucro.
 
La pila a celle a combustibile è realizzata con un polimero solido come nell’attuale Mirai, tuttavia più piccola e con solo 330 celle anziché le precedenti 370. Ciò nonostante stabilisce un nuovo record per la densità di potenza specifica di 5,4 kW (escluse le piastre terminali). La potenza massima è aumentata da 114 a 128 kW e le prestazioni in condizioni di basse temperature sono state migliorate, per cui ora è possibile avviare il sistema a partire da -30°C.

La concentrazione delle connessioni dei sistemi all’interno dell’involucro ha reso superflui alcuni componenti e questo a sua volta fa risparmiare ulteriore peso. 
 
Grazie all’attenzione incentrata sull’innovazione e l’ottimizzazione di tutti i componenti è stato possibile ridurre il peso del 50% e al tempo stesso aumentare la potenza del 12%. Le nuove misure includono il riposizionamento del collettore, celle più piccole e leggere mediante la forma ottimizzata del separatore di canale del gas e l’utilizzo di materiali innovativi negli elettrodi.
 
L’unità incorpora anche il convertitore DC-DC delle celle a combustibile (FDC) e parti modulari dell’alta tensione, il che riduce le dimensioni del 21% rispetto all’attuale sistema. Il peso è stato ridotto di 2,9 kg ed è ora di 25,5 kg. Tutto ciò è stato possibile grazie a nuove tecnologie come il primo utilizzo di un materiale semiconduttore al carburo di silicio di nuovo tipo per i transistor del modulo di potenza intelligente (IPM). Questa soluzione ha permesso di aumentare la potenza e di ridurre le perdite di potenza utilizzando meno transistor e quindi un convertitore di potenza più piccolo.
 
Riduzioni di dimensioni e di peso sono state realizzate anche per altri componenti della pila. La presa d’aria è progettata per ridurre al minimo la perdita di pressione e include materiale fonoassorbente, per cui il rumore proveniente dalla presa d’aria è pressoché impercettibile nell’abitacolo. L’impianto di scarico utilizza un terminale in resina sintetica ed è progettato per espellere grandi quantità di aria e di acqua, mentre un grande silenziatore di scarico contribuisce alla silenziosità dell’abitacolo. L’intero sistema dell’aria è più piccolo di quasi il 30% rispetto all’attuale Mirai e pesa il 34,4% in meno.

Batteria agli ioni di litio

La nuova Mirai è equipaggiata con una batteria ad alta tensione agli ioni di litio anziché con l’unità al nichel-metallo idruro impiegata finora. Benché più piccola, ha una densità energetica maggiore, è più potente e più ecologica. Con 84 celle ha una tensione di 310,8 V rispetto ai 244,8 di prima e una capacità di 4,0 Ah contro i 6,5 Ah. Il peso è stato ridotto da 46,9 kg a 44,6 kg mentre la potenza è aumentata da 25,5 kW x 10 s a 31,5 kW x 10 s.
 
Grazie alle dimensioni ridotte, è stato possibile posizionare la batteria dietro ai sedili posteriori senza compromettere le dimensioni del bagagliaio. Anche il passaggio dell’aria di raffreddamento è stato ottimizzato con due prese d’aria discrete su entrambi i lati del sedile posteriore.

Caratteristiche dinamiche

L’impiego della piattaforma GA-L conferisce alla nuova Mirai vantaggi decisivi come il baricentro basso, una migliore agilità e una carrozzeria notevolmente più rigida, tutte caratteristiche che sommate realizzano un comportamento molto più dinamico.
 
Con l’integrazione della pila a combustibile nella parte anteriore e della batteria e del motore elettrico in quella posteriore si ottiene una ripartizione del peso di 50:50, un valore considerato ideale anche per le auto con motore anteriore. 
 
La rigidità torsionale della sovrastruttura è stata accresciuta mediante traverse e rinforzi in punti strategici come pure con l’impiego diffuso della tecnica d’incollaggio e di saldatura a laser.
 
La nuova piattaforma ha permesso il montaggio di una sospensione multilink anteriore e posteriore anziché l’attuale architettura con schema MacPherson anteriore e posteriore a ruote interconnesse. Questa configurazione offre una stabilità di guida maggiore con una guidabilità eccellente e massimo comfort. Inoltre propone barre antirollio più rigide, posizione ottimizzata dei giunti sferici superiori e inferiori e un’esecuzione più rigida di tutta la sospensione; a garanzia di un comportamento su strada agile e stabile.
 
La Mirai trae ulteriori benefici da cerchi e pneumatici grandi. I cerchi da 19 e 20 pollici montano pneumatici 235/55 R19 o 245/45 R20 a bassa resistenza al rotolamento e poco rumorosi che contribuiscono a migliorare l’efficienza, la guidabilità, la stabilità e la silenziosità a bordo. Il diametro grande delle ruote assicura lo spazio necessario per i tre serbatoi d’idrogeno sotto il pianale dell’auto.
 
L’aerodinamica migliorata grazie alla silhouette più bassa, al rivestimento totale del sottoscocca e al coefficiente di resistenza aerodinamica basso, contribuisce anch’essa alle qualità di guida e all’autonomia elevata.
 
La Mirai convince anche per le caratteristiche di guida. Le prestazioni elevate della nuova pila a celle a combustibile e della batteria consentono uno sviluppo della potenza lineare e armonioso in partenza e una sensazione di guida eccellente con una risposta pronta quando si preme sull’acceleratore. La guida in autostrada è rilassata e senza stress con un’eccellente risposta disponibile a tutte le velocità. Sulle strade ricche di curve, la buona maneggevolezza si accompagna a un’accelerazione spontanea in uscita dalle curve.

Pulizia dell’aria strada facendo

I vantaggi ecologici della Mirai si spingono oltre la guida priva di emissioni fino alle «emissioni negative»; infatti l’auto pulisce l’aria mentre viaggia.
 
Un filtro di tipo catalizzatore (innovazione di Toyota) è integrato nella presa d’aria. Quando l’aria viene immessa all’interno della vettura e incanalata verso le celle a combustibile, una carica elettrica nell’elemento del filtro in tessuto cattura particelle microscopiche inquinanti tra cui biossido di zolfo (SO2), ossidi di azoto (NOx) e polveri fini PM 2.5. Il sistema rimuove dal 90 al 100 per cento delle particelle di dimensioni tra 0 e 2,5 micron dall’aria che viene immessa nel sistema a celle a combustibile.

Atteso un aumento decuplicato delle vendite

Il lancio della nuova Mirai porterà a Toyota una penetrazione del mercato nettamente maggiore con vendite 10 volte superiori a quelle attuali. Questa crescita sarà supportata dalle maggiori prestazioni e soprattutto dal fascino accresciuto del nuovo modello nonché da un prezzo di vendita ridotto di ca. il 20%.
 
La cerchia di clienti per un’auto FCEV si amplierà anche grazie all’infrastruttura di rifornimento dell’idrogeno in costante espansione nei vari mercati. Il numero di stazioni di servizio aumenterà e diversi incentivi e misure statali a favore di una mobilità più pulita forniranno un ulteriore stimolo.

Scoprire di più su Toyota

Avviata la produzione della GR Yaris Avviata la produzione della GR Yaris Il 26 agosto 2020 la prima GR Yaris è uscita dalla linea di montaggio nello stabilimento di Motomachi a Toyota City in Giappone. Completamente ricostruito, l’impianto di produzione è interamente concepito sui requisiti speciali della produzione della GR Yaris. Toyota lancia il nuovo Highlander 7 posti in europa Toyota lancia il nuovo Highlander 7 posti in europa Il più grande SUV ibrido di Toyota, l'Highlander, arriva per la prima volta sul mercato dell'Europa occidentale. La nuova Toyota Corolla e il nuovo RAV4 ottengono 5 stelle nei test sulla sicurezza di Euro NCAP La nuova Toyota Corolla e il nuovo RAV4 ottengono 5 stelle nei test sulla sicurezza di Euro NCAP La nuova Toyota Corolla e il nuovo Toyota RAV4 ottengono entrambi il punteggio massimo di 5 stelle nei nuovi e più severi test sulla sicurezza di Euro NCAP 10 milioni di Toyota RAV4 venduti in tutto il mondo 10 milioni di Toyota RAV4 venduti in tutto il mondo Recentemente il RAV4 è entrato a far parte del club dei modelli Toyota che possono presentare con orgoglio cifre di vendita decimilionarie.