Richiesta di prova Ordinare prospetto Trova un concessionario Configurate la vostra Toyota Iscrizione newsletter

Archivio dei prototipi.

Una retrospettiva sulle nostre creazioni.

I prototipi sono, benché pezzi unici, importanti messaggeri delle tecnologie future e delle tendenze di design. Lasciando esprimere liberamente le proprie idee ai nostri ingegneri e designer, dalle reazioni possiamo estrapolare gli aspetti che confluiranno nella produzione in serie, in una Toyota che potrete guidare in futuro.

Vi presentiamo qui una selezione dei prototipi creati negli ultimi tempi.

Toyota FT-Bh

Presentata la prima volta nel 2011 al Salone dell'automobile di Ginevra, il prototipo FT-Bh è una vettura ibrida pura chiaramente evoluta in termini di efficienza energetica ed economicità.

Cinque gli aspetti s cui ci siamo concentrati: riduzione del peso, aerodinamica, efficienza di motore e trasmissione, gestione dell'energia termica e risparmio di elettricità. È nato un veicolo che pesa meno della Toyota Aygo a tre porte, ma con l'offerta di spazio di una vettura del segmento B come la Toyota Yaris.

Migliorando del 30% l'aerodinamica, applicando il principio del downsizing al sistema ibrido puro e ottimizzando la gestione dell'energia i nostri ingegneri hanno raggiunto l'obiettivo di dimezzare le emissioni di CO2 rispetto alle auto convenzionali del segmento B.

/

Ciò che rende il tutto ancor più notevole: la FT-Bh non è stata costruita con materiali costosi o esotici come accade spesso con molte altre concept car. Al contrario, per lo sviluppo e la realizzazione sono stati impiegati solo i processi di produzione usuali a quel tempo. In tal modo i costi sono risultati contenuti rendendo realistica la possibilità di una produzione in grande serie.

/
Toyota FCV-R

Il prototipo FCV-R ha debuttato nel 2011 al Tokyo Motor Show spianando la strada al successivo passo che porta alla produzione in serie di vetture a idrogeno.

Con la sua forma inconfondibile, che sfoggia nella parte frontale e in quella posteriore un motivo a W come simbolo del sistema di raffreddamento a celle a combustibile, la FCV-R si presenta con un'immagine sicura di sé.

Tuttavia le innovazioni più significative rimangono celate sotto la carrozzeria aerodinamica. Il gruppo a celle a combustibile più compatto rispetto ai prototipi precedenti e i due serbatoi d'idrogeno posizionati sotto il pianale hanno reso possibile il dimensionamento idoneo all'uso pratico di abitacolo e bagagliaio.

L'abitacolo confortevole propone sedili raffinati, rivestiti in stile giapponese e nella console centrale uno schermo doppio per l'infotainment simile a quello di uno smartphone e navigazione tridimensionale. Il sistema è stato progettato per intregrare semplicemente uno smartphone, con funzioni quali visualizzazione delle app e trasmissione delle informazioni della vettura allo smartphone.

/

Tuttavia ciò che in particolare ha suscitato sensazione è il sistema propulsivo a celle a combustibile. Un'altra prestazione pionieristica di Toyota. I due serbatoi a idrogeno permettono un'autonomia di 700 km senza emissioni nocive. Dallo scarico della FCV-R escono solo goccioline d'acqua.

/
Toyota NS4

La NS4 Plug-in Hybrid è stato il nostro prototipo più vicino alla realtà presentato al Salone dell'automobile di Detroit nel 2012. Con il suo nuovo linguaggio stilistico, che annuncia l'orientamento dei modelli a venire, NS4è improntato soprattutto alla sicurezza e alla connettività.

/

L'esterno sfoggia una griglia della calandra incisiva, un paraurti anteriore estremamente delineato e porte dall'apertura ampia per facilitare l'accesso all'abitacolo. Sotto il cofano, il prototipo alloggia un sistema ibrido Plug-in perfezionato. Grazie a componenti più compatti e leggeri il consumo e l'accelerazione sono stati migliorati ottenendo una maggiore autonomia in modalità elettrica.

A bordo, il conducente s'immerge in un mondo multimediale totalmente connesso. Per mezzo dell'interfaccia simile allo smartphone, posizionata nella console centrale, Il sistema dotato di connettività a internet vi permette di gestire navigazione, musica e le funzioni della vettura. È inoltre il grado di imparare dalle vostre abitudini e preferenze.

Anche in fatto di sicurezza per gli occupanti e i pedoni la NS4 compie un significativo passo avanti. Propone infatti tecnologie di nuova generazione come il sistema di rilevamento pre-collisione di nuovo tipo e altri dispositivi di sicurezza come il visualizzatore dell'angolo morto e il sistema di fari adattivi. La sicurezza per i pedoni è stata integrata anch'essa nel sistema complessivo sotto forma di un cofano motore la cui parte posteriore si solleva in caso di collisione al fine minimizzare le conseguenza di una collisione.

/

Il prototipo NS4 presenta numerose caratteristiche evolute di sicurezza e connettività che presto potranno confluire nella produzione in serie.

Toyota diji

Al Salone dell'automobile di Ginevra 2012 il prototipo Toyota diji ha innalzato la personalizzazione a un nuovo livello. Essa incarna la visione di una società in cui saremo maggiormente connessi in rete con la nostra auto, ma anche con gli altri.

Tuttavia la diji non si presenta unicamente come auto ludica, anche la sicurezza ha un ruolo centrale. Il collegamento a sistemi di traffico permette di ricevere informazioni sulla sicurezza da altri veicoli e dall'infrastruttura stradale, ad esempio rendendo più sicuro l'attraversamento di incroci con scarsa visibilità.

/

La carrozzeria della diji può essere modificata facilmente in base ai desideri personali. Su pannelli interni ed esterni si possono proiettare messaggi e immagini cosicché l'auto è una tela bianca su cui potete esprimere la vostra personalità.

Anche l'ambiente interno può essere adattato completamente all'umore del conducente. Il concierge olografico di navigazione fornisce inoltre informazioni e dati sul percorso tramite un'interfaccia vocale, mentre tutte le altre funzioni del sistema di navigazione vengono integrate per mezzo della tecnologia di realtà aumentata.

La diji non ha un volante – infatti è del tutto superfluo. Le funzioni principali si possono gestire tramite smartphone. Una connessione di rete assicura che il software per la guida, i comandi e i sistemi multimediali della diji siano sempre aggiornati.

Tuttavia la diji non si presenta unicamente come auto ludica, anche la sicurezza ha un ruolo centrale. Il collegamento a sistemi di traffico permette di ricevere informazioni sulla sicurezza da altri veicoli e dall'infrastruttura stradale, ad esempio rendendo più sicuro l'attraversamento di incroci con scarsa visibilità.

/

Vi piacciono le idee che animano la diji? Guardate allora il prototipo FV2, il tutto è stato ulteriormente sviluppato.

La nostra e-protezione dati

Utilizziamo i cookie sul nostro sito internet per offrirvi un servizio migliore. Se siete soddisfatti potete continuare a utilizzare questo sito come sempre oppure scoprite qui come si gestiscono i cookie.